A Nicosia è ben riuscita la XXVII edizione del Corteo Storico che celebra la visita di Carlo V – FOTO & VIDEO

Condividi l'articolo su:

Il corteo storico più antico di Sicilia si svolge da ben 27 anni a Nicosia. Quest’anno la XXVII edizione del Corteo Storico ha celebrato il 484° anniversario della visita dell’imperatore Carlo V a Nicosia, avvenuta il 17 ottobre 1535 e quest’anno in città è stato ospitato il terzo raduno dei Cortei storici di Sicilia.

Questo evento classico della città di Nicosia è stato organizzato dall’Associazione culturale “Corteo Storico Carlo V”, dal Mo.I.Ca. ed ha avuto il patrocinio del Comune di Nicosia.

Sabato 28 settembre è la giornata in cui si è svolto il Corteo. Come da Tradizione è partito dal quartiere di Santa Maria Maggiore ed esattamente dalla via San Simone sono sfilati i gruppi storici più belli di Sicilia, quest’anno oltre ai gruppi nicosiani di Civitas Nicosiae e dell’Associazione Corteo Storico Carlo V, hanno partecipato anche altri gruppi storici provenienti da diverse parti dell’Isola, con costumi di diverse epoche storiche, da Randazzo, Misilmeri, Itala, Vicari, Roccella Valdemone, Valledolmo, San Gregorio e Noto.

Il corteo ha sfilato per le vie del quartiere, la prima fermata è stata fatta a largo Mortificati, con l’esibizione dei musici e degli sbandieratori di Civitas Nicosiae, in testa al corteo e diretti dal maestro Giuseppe Tamburello. La nobiltà nicosiana e l’imperatore Carlo V hanno assistito a questo primo spettacolo. L’intero corteo si è diretto verso il centro storico di Nicosia, preceduto dagli sbandieratori e musici di “Civitas Nicosiae”, seguiti dalla nobiltà nicosiana e dai diversi gruppi ospiti.

In serata l’intero corteo storico ha fatto il suo trionfale ingresso in piazza Garibaldi. Sul palco hanno presentato la serata Anna Maria Li Volsi, presidente dell’Associazione culturale “Corteo Storico Carlo V” e Pino Casabona. Trionfale anche l’ingresso di Carlo V e della sua corte al seguito, a cui la nobiltà nicosiana ha consegnato le chiavi della città e poi dei regali. La regale cerimonia si è conclusa con la lettura dei privilegi che Carlo V concesse a Nicosia.

Per celebrare la visita di Carlo V, il gruppo “Sicularagonensia” di Randazzo si è esibito prima con un ballo rinascimentale e successivamente con il gruppo dei tamburini.

La serata si è conclusa con la sfilata dei gruppi ospiti entrati in ordine in base all’epoca a cui sono legati i costumi indossati, a cominciare dal gruppo di Randazzo dalla provincia di Catania, poi Misilmeri dalla provincia di Palermo, Itala dalla provincia di Messina, Vicari dalla provincia di Palermo, Roccella Valdemone dalla provincia di Messina, Valledolmo dalla provincia di Palermo, San Gregorio dalla provincia di Catania e Noto dalla provincia di Siracusa. Sul palco tutti sono stati omaggiati con prodotti tipici nicosiani.

L’assessore Daniele Pidone a nome dell’amministrazione comunale di Nicosia ha ringraziato tutti i gruppi ospiti ed in particolar modo l’organizzazione dell’Associazione culturale “Corteo Storico Carlo V”, presieduta da Anna Maria Livolsi e del Mo.I.Ca, presieduta da Bettina Cascio Gioia, che insieme da 27 anni regalano a Nicosia questo momento di spettacolo e di ricordo storico.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo