Ancora una sconfitta del Messina, questa volta sono gli irpini del San Tommaso a superare i biancoscudati – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Partita da ultima spiaggia per mister Cazzarò, il Messina al “Partenio” di Avellino affronta il San Tommaso. L’ex tecnico del Taranto cambia schema e schiera Avella in porta, linea difensiva a 4 con Forte, Bruno, Ungaro e Strumbo, centrocampo con i tre Ott Vale, Buono e Saverino, in avanti Crucitti dietro le due punte Coralli e Siclari.

Primo tempo noioso, da segnalare l’azione del Messina al 13′ con Coralli in area, ma il suo tiro è deviato in angolo da Casolari.  Al 30′ si vede il San Tommaso, Tedesco salta Strumbo, serve Branicki, ma il polacco non sfrutta l’occasione. Il Messina al 32′ con Crucitti spreca con un tiro che termina incredibilmente fuori.

Nel secondo tempo al 54’ il San Tommaso passa in vantaggio con Colarusso con un gran tiro da centrocampo. All’82’ padroni di casa al raddoppio in contropiede Tedesco serve il neo entrato Varricchio che a porta vuota chiude il match.  Sfiora la terza segnatura il San Tommaso in chiusura con Boubakar, l’attaccante salta i difensori giallorossi e solo davanti ad Avella si vede deviare incredibilmente il tiro.

Terza sconfitta consecutiva del Messina, un incubo senza fine, squadra abulica, senza mordente e senza gioco. Urge prendere immediatamente dei provvedimenti per dare la sveglia ad una squadra che in tre partite ha prodotto il nulla assoluto.

Tabellino:

San Tommaso-Messina 2-0

San Tommaso: Casolare, Massaro, Falivene, Colarusso, Gambuzza, Pagano, Alleruzzo (67′ Cucciniello), Acampora (73′ Varricchio), Sabatino (74′ Maranzino), Tedesco (85′ Boubakar), Branicki. A disposizione: Pezzellla, Marciano, Labiase, Tiberio, Mazza. Allenatore: Liquidato.

Messina: Avella, Forte (81′ De Meio), Strumbo, Ott Vale, Bruno, Ungaro (74′ Giordano), Saverino, Buono (74′ Suma), Coralli, Crucitti, Siclari. A disposizione: Pozzi, Bonasera, Barbera, Nardelli, Orlando. Allenatore: Cazzarò.

Marcatori: 54′ Colarusso, 82′ Varricchio.

Arbitro: Ursini di Pescara.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo