Cerami, la processione della Madonna della Lavina – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Si sono svolti il 7 settembre a Cerami i festeggiamenti in onore della Madonna della Lavina.

La tradizione vuole che il culto per la Lavina sia legato al ritrovamento di un quadro raffigurante la Madonna allattante il figlioletto Gesù. Dal sito del ritrovamento, il fluviale Lavina, l’effigie prese, appunto, il nome di Madonna della Lavina, al cui culto, secondo la credenza popolare, sono legati prodigiosi eventi. Sul luogo della scoperta fu costruita una chiesetta. La raffigurazione, dipinta su lavagna a forma ovale, opera ultimamente attribuita a Pietro Novelli, è una copia e forse più espressiva, di quella ritrovata di cui parla la leggenda, accomunata alla non dubbia esistenza di un vecchio monastero delle benedettine risalente al 1531, dalle cui rovine, sotto l’impeto di un forte temporale, emerse il quadro della Vergine.

Nella processione serale il quadro della Madonna è portato a spalla dai devoti e fa ritorno nel santuario omonimo. Al seguito della processione le quattro confraternite di Cerami, la giunta comunale con il primo cittadino ceramese e alcuni sindaci dei paesi limitrofi.

Toccante il canto dell’Ave Maria. Subito dopo il parroco Michele Pitronaci ha espresso una sua riflessione sul significato di questa celebrazione. Il sindaco, Silvestro Chiovetta, ha chiesto l’affidamento di Cerami alla Vergine della Lavina invocandone la protezione.

Poco prima del rientro della Madonna della Lavina si è svolto lo spettacolo pirotecnico. La solenne processione si è conclusa con l’ingresso del quadro nel santuario.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo