Con la presenza del cardinale Romeo si è aperto a Capizzi l’Anno Santo Mariano – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Il 25 luglio è la solennità liturgica di San Giacomo Maggiore apostolo protettore di Capizzi e quest’anno questi festeggiamenti sono stati resi ancor più solenni dall’apertura dell’Anno Santo Mariano, che ricorda i 440 anni della devozione della Madonna delle Grazie a Capizzi.

All’arrivo in piazza del corteo composto dalla confraternita di San Giacomo, dal clero (il parroco di Capizzi don Antonio Cipriano portava in mano la statuetta della Madonna del Pilar, legata alle vicende storiche di San Giacomo) delle autorità civili e militari, il sindaco Leonardo Principato Trosso, Alessia Catania, quest’anno presidente dei festeggiamenti di San Giacomo, si è svolta l’accoglienza del cardinale Paolo Romeo e del vescovo di Patti, Guglielmo Giombanco.

Entrati nel santuario, è stato celebrato il solenne pontificale. Durante l’omelia il cardinale ha parlato della sequela a Cristo, riferendosi a San Giacomo che fu tra i primi, assieme al fratello San Giovanni a seguire Gesù abbandonando il mestiere di pescatore. San Giacomo fu il primo tra gli apostoli ad essere martirizzato venendo decapitato da Erode Agrippa nella Pasqua del 44 dopo Cristo.

Un pensiero del cardinale è stato rivolto alla Madonna del Pilar. Dopo la Pentecoste San Giacomo si era diretto in Spagna a predicare il Vangelo, ma nonostante il suo zelo solo nove persone avevano ricevuto il battesimo convertendosi al cristianesimo. Sconfortato San Giacomo stava decidendo di tornare a Gerusalemme, quando all’improvviso il cielo fu illuminato da una luce intensa. Su un’alta colonna apparve la Madonna che lo incitava a costruire una chiesa, sorse così il famoso santuario della Madonna del Pilar a Saragozza.

Dopo l’omelia si è svolta la professione di fede di alcuni nuovi confrati nella confraternita di San Giacomo e alcuni cappellani sono diventati canonici della confraternita.

Poco prima dell’omelia il cardinale ha benedetto la reliquia di San Giacomo.

Dopo la conclusione del solenne pontificale si è svolta l’esibizione in piazza della banda e delle majorettes.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo