Dal consiglio comunale di Nicosia emergono novità per i cantieri della “Nord-Sud”

Condividi l'articolo su:

Il consiglio comunale di Nicosia del 4 febbraio ha trattato l’argomento che riguarda il grave dissesto della statale 117 Nord-Sud. Il 28 gennaio un automezzo era letteralmente sprofondato a causa della carreggiata dissestata.

Da tempo il tratto della statale 117 che conduce da Nicosia a Mistretta è oggetto di lavori per la realizzazione della Nord-Sud, la strada dei due mari che nelle intenzioni dei progettisti doveva collegare Gela a Santo Stefano di Camastra, ma che dopo oltre 30 anni è ancora incompiuta in diversi tratti.

Presenti in consiglio comunale diversi ospiti tra cui Enzo Marchingiglio capo ufficio gabinetto dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici, i rappresentanti dei Comuni di Mistretta e di Villarosa.

Ed è stata proprio la relazione del funzionario regionale Enzo Marchingiglio che ha reso noto lo stato attuale dei cantieri della Nord-Sud sulla statale 117 ed in particolar modo i lotti B.

L’attuale capo gabinetto dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici ha riferito che vi sono diversi interventi finanziati dalla Regione, ma non cantierabili poichè le ex Province non riescono a redigere i progetti esecutivi e non sono in grado di fare manutenzione straordinaria. Il governo regionale si è impegnato a realizzare gli interventi più urgenti utilizzando il Patto per il Sud, ma in questo programma Enna ha un solo progetto inserito e per questo si sono previsti degli interventi compensativi spostando somme da altre misure. Per la Nord-Sud ad oggi sono presenti quattro lotti per complessivi 21 km. su cui si sta intervenendo. Sul lotto B2 di 4,2 km., l’importo dei lavori e di circa 70 milioni di euro, aggiudicato alla Valori S.c.a.r.l. Consorzio Stabile, i lavori verranno completati nel mese di settembre 2020. Per il lotto B4/a di 7,2 km. i lavori sono a buon punto e verranno completati nel mese di luglio 2019. Per il lotto B4/b di 5,5 km., i lavori sono stati riappaltati alla ditta Ricciardello e sono completi per l’80% e potrebbero essere consegnati prima di luglio 2019. Il lotto B5 di 3,9 km., che riguarda lo svincolo di Nicosia Nord e l’innesto con la statale 120, un appalto di circa 96 milioni di euro, per il quale si deve sottoscrivere il contratto con la ditta aggiudicatrice, la De Sanctis Costruzioni di Roma, che dovrà redigere in circa tre mesi il progetto esecutivo e intorno al mese di settembre 2019 potrebbero iniziare i lavori.

Nello stesso consesso è intervenuto il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, che ha confermato quanto detto dal funzionario Marchingiglio. Il sindaco ha focalizzato il suo intervento sui lotti C, ovvero quelli che vanno da Nicosia a Leonforte e si innestano con lo svincolo Mulinello per la A19. Per questi lotti esiste un finanziamento di 500 milioni di euro, ma si tratta di cifre stanziate per vecchi progetti che vanno rivisitati e per cui si presume che siano necessarie cifre molto più alte, probabilmente intorno al miliardo e mezzo di euro. I sindaci di Nicosia e Leonforte erano stati sentiti dal precedente assessore regionale Pistorio e dalla commissione all’Ars, alla presenza dell’Anas, i due sindaci avevano chiesto una rivisitazione della progettazione. Quello che si chiede oggi è un nuovo confronto con l’Anas e l’assessore Falcone con la richiesta di utilizzare questi soldi per un ammodernamento del tratto esistente per accedere più facilmente allo svincolo autostradale della A19.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo