Distretto Socio sanitario di Nicosia, pubblicato l’avviso per l’assegno civico

Condividi l'articolo su:

Il Distretto Socio sanitario D23 composto dai comuni di Nicosia (capofila), Capizzi, Cerami, Gagliano, Sperlinga e Troina, ha pubblicato l’avviso per l’assegno civico da erogare in favore di soggetti svantaggiati sul piano socio – economico per servizi utili alla collettività. A comunicarlo è l’assessore ai Servizi sociali del comune di Nicosia, Pino Castello.

L’assegno civico, quale misura alternativa all’assistenzialismo monetario, ha la precisa finalità di sostenere economicamente soggetti svantaggiati attraverso l’utilizzo degli stessi in servizi di pubblica utilità nei settori individuati dalle amministrazioni comunali, in base alle caratteristiche e alle esigenze del proprio territorio, e compatibili con le capacità e le competenze dei destinatari.

I cittadini in condizioni economiche svantaggiate, possono presentare istanza per l’inserimento in attività di pubblica utilità sulla base delle esigenze dei Comuni del Distretto Socio Sanitario D23 entro e non oltre il 10 maggio 2019.

Le attività saranno individuate da ciascun Comune tra le seguenti: custodia, pulizia, tutela e manutenzione di strutture pubbliche; servizio di salvaguardia e manutenzione del verde pubblico; attività di vigilanza e supporto negli istituti scolastici.

Possono accedere al servizio civico tutti i cittadini residenti nei comuni del distretto D23 che siano privi di occupazione e che abbiano un reddito ISEE non superiore ai 8.000 euro.

Ciascun beneficiario riceverà un assegno mensile di 400 euro, per venti ore settimanali di attività e per un massimo di 80 ore mensili, per la durata massima di sei mesi.

I soggetti che potranno usufruire dell’assegno civico saranno 54, suddivisi percentualmente nei diversi comuni facenti parte del distretto, a Nicosia ne beneficeranno in 20, 13 a Troina, 7 a Gagliano, 6 a Capizzi, 5 a Cerami e 3 a Sperlinga.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo