Il regista nicosiano Rosario Brucato trionfa a Los Angeles

Condividi l'articolo su:

Si è aggiudicato la Honorable Mention come miglior regista esordiente, Rosario Brucato, il filmaker nicosiano, il riconoscimento gli è stato assegnato al Festigious International Film Festival di Los Angeles per il cortometraggio “L’essere diverso – The different being”, scritto, diretto e montato dallo stesso Rosario Brucato.

Lo stesso cortometraggio è stato selezionato come semifinalista al festival internazionale “Los Angeles CineFest” e in concorso anche al festival internazionale New York Film Awards ancora come miglior regista esordiente. “The Different Being” entra in concorso anche all’Hollywood CineFest International Film e al “Los Angeles Film Awards” nelle categorie miglior regista esordiente e miglior montaggio.

Anche per due degli attori del film sono scattate le nomination al festival internazionale Actors Awards di Los Angeles, dove viene nominato come miglior attore Giuseppe Brucato e Veronica Brucato come miglior attrice. Nel cast figurano anche altri attori tra cui l’attore esordiente Davide La Noce originario di Alimena.

Rosario Brucato ha 34 anni vive, risiede e lavora a Padova da più di sei anni, dove si è laureato in Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale con una votazione finale di 110/110.   Alcune scene degli interni del cortometraggio sono state girate anche in provincia di Enna e a Padova e il lavoro di post produzione è stato concluso nella medesima città.

The Different Being è un thriller che affronta la tematica della diversità, denunciando le discriminazioni sociali e vuole lanciare un messaggio significativo: la mancanza di umanità e solidarietà spesso può generare conseguenze molto negative a livello psichico negli “esseri diversi” che si ritrovano derisi ed emarginati.

Attualmente il giovane regista ha depositato, a Los Angeles, i diritti di una sceneggiatura  per ritornare dietro la cinepresa con l’intenzione di portare sullo schermo una celebre leggenda metropolitana.


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo