La Pasqua 2019 a Nicosia e le sue tradizioni: dalla veglia del sabato ai giochi di domenica – FOTO & VIDEO

Condividi l'articolo su:

Con la tradizionale questua che si svolge durante la Settimana Santa iniziano a Nicosia le celebrazioni pasquali. Questa tradizione coinvolge l’intero quartiere di Santa Croce con gli organizzatori del Comitato delle confraternite ed i musicisti che vanno casa per casa per chiedere delle offerte. Nell’occasione per ospitalità ed accoglienza le persone offrono dolci e bevande.

Le celebrazioni della Pasqua nicosiana hanno inizio la sera del Sabato Santo, un intero quartiere, Santa Croce, attende la resurrezione di Gesù, una cerimonia che inizia nel pomeriggio nella sede delle Confraternite, per trasportare il fercolo del Cristo Risorto, ricoperto con un panno nero, fino alla piccola chiesa di Sant’Agata. Una volta giunto all’interno della chiesa, in attesa della mezzanotte, alla statua del Cristo Risorto viene tolto il panno nero.

Le celebrazioni di mezzanotte iniziano con l’arrivo dalla chiesa di Santa Croce delle confraternite della parrocchia, al rullo di tamburi un lungo corteo con in testa i fedeli della Confraternita del Santissimo Sacramento di Santa Croce, di Nostra Signora dei Raccomandati e della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, arrivano fuori dalla chiesa di Sant’Agata, mentre all’interno è iniziata la preparazione del simulacro in attesa della processione.

Alla mezzanotte esatta il simulacro del Cristo Risorto esce dalla chiesa, accompagnata dalla musica e da un lungo applauso. La processione se pur breve fino alla chiesa di Sant Croce è accompagnata da moltissimi fedeli, in testa sempre le tre confraternite. Ad un certo punto la processione si ferma e partono i fuochi d’artificio, finiti i giochi pirotecnici, il simulacro del Cristo Risorto entra trionfante all’interno della chiesa di Santa Croce, all’interno anche il simulacro della Madonna ricoperto ancora dal drappo nero. La festa prosegue nel quartiere con la musica della banda.

La mattina di Pasqua Nicosia si risveglia, la processione inizia dalla chieda di Santa Croce con l’uscita del fercolo del Cristo Risorto, poco dopo esce anche la Madonna Addolorata con il drappo nero. L’appuntamento è in piazza Garibaldi, tantissimi fedeli accorrono per assistere al classico “u scontro”, ovvero l’incontro tra la Madonna ed il Cristo Risorto.

Piazza stracolma di gente e poco prima di mezzogiorno cominciano ad arrivare le prime confraternite con i loro tradizionali vessilli, subito dopo fa l’ingresso il simulacro del Cristo Risorto, tutte le confraternite si posizionano lungo uno stretto corridoio in attesa dell’Addolorata.

Arriva in piazza anche la statua della Madre Addolorata ricoperta da un drappo nero, i fratelli della confraternita la preparano all’incontro con il Figlio Risorto togliendole il drappo nero, tre inchini prima di avvicinarsi verso il figlio, Gesù le si avvicina, la Madonna china la testa e si affianca al Cristo, un applauso della folla accompagna il ricongiungimento tra Madre e Figlio.

Dal balcone centrale del Palazzo Comunale, in compagnia del sindaco di Nicosia, il vescovo della diocesi, Salvatore Muratore, pronuncia il suo discorso davanti ad un’attenta folla di fedeli ed alla fine dell’omelia giunge l’attesa benedizione che conclude la cerimonia.

Come da tradizione Gesù Risorto e la Madonna, ricongiunti, fanno il giro della piazza e la processione prosegue lungo le vie della città, accompagnata dai tamburi delle confraternite, dalla banda musicale e con al seguito migliaia di fedeli.

La processione si chiude con il rientro dei due fercoli uniti all’interno della chiesa di Santa Croce.

Nel pomeriggio di domenica il quartiere di Santa Croce ospita dei giochi d’intrattenimento, il tiro alla fune, il tradizionale “’Ntenna”, ovvero il palo della cuccagna, dove i contendenti si arrampicano uno sulle spalle dell’altro per raccogliere i premi posti in cima al palo.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo

css.php