La Uil denuncia: “Il direttore di presidio Lello Vasco non è in possesso dei requisiti di legge”

La Uil lancia l’allarme e chiede l’intervento delle istituzioni: il direttore dei quattro presidi ospedalieri di Enna, Leonforte, Piazza Armerina e Nicosia, non è in possesso dei requisiti di legge per svolgere questo ruolo.

Nulla di personale nei confronti del dottor Vasco – commenta la Uil – che apprezziamo dal punto di vista personale e medico per la sua indubbia professionalità anche in campo manageriale e gestionale quale direttore di Uoc o capo dipartimento area medica, tuttavia non possiamo tollerare che una figura così importante e nevralgica per il corretto funzionamento della direzione sanitaria possa essere svolta in mancanza dei requisiti di legge. Con l’ultronea conseguenza del possibile travolgimento di nullità di tutti gli atti posti in essere, in difetto assoluto di attribuzioni, per mancanza dei requisiti di legge”.

Per questa ragione la Uil chiede l’immediata rimozione del dottor Lello Vasco, con l’ausilio delle istituzioni, in primis del commissario straordinario dell’Asp di Enna, Francesco Iudica. Anche per non privare un servizio così importante, quale il servizio di Cardiologia ed Utic, di un professionista e del relativo direttore di struttura.

In conclusione, – continua il comunicato della Uil – ribadendo la richiesta di rimozione immediata del dottor Vasco, dando corso alle procedure per la nomina del direttore in possesso dei requisiti di legge, si esprime profondo rammarico per la neo-gestione commissariale del dottor Iudica, che in un lasso di tempo così breve, ha consumato vari atti di dubbia legittimità, come anche la proposta di modifica della rete ospedaliera, assai penalizzante per la provincia di Enna”.

Secondo il decreto legislativo 502/92 per l’incarico di struttura complessa di direzione medica di presidio che attualmente ricopre il dottore Lello Vasco è obbligatoria la specializzazione in igiene che lui non ha, sette anni di servizio di cui cinque nella disciplina di direzione medica di presidio, valutazione positiva di cinque anni per le funzioni svolte nella struttura di direzione medica di presidio, master di management di struttura complessa di direttore sanitario di presidio.

Il conferimento dell’incarico al dottor Vasco di direttore sanitario di presidio di struttura complessa è illegittimo, anche perché non si può essere controllore è controllato di sé stessi. Il direttore sanitario di presidio secondo l’articolo 48 dell’atto aziendale vigente ha competenze specifiche igienico sanitarie e il dottor Vasco è primario di Cardiologia e Capo dipartimento di Medicina. Un doppio ruolo con evidenti profili di incompatibilità.

 

Commenta l'articolo

css.php