Mercato immobiliare. In Sicilia ed in provincia di Enna crescono le compravendite diminuiscono i prezzi. A Nicosia prezzi stabili

Condividi l'articolo su:

L’Osservatorio del Mercato Immobiliare ha pubblicato i dati relativi al 2018, in cui si rileva che il mercato immobiliare siciliano è in crescita rispetto al 2017.

Riguardo l’andamento delle compravendite, in testa per numero di transazioni si posizionano le province di Palermo (9.493) e Catania (8.358), seguite da Messina (4.631), Siracusa (3.308), Agrigento (2.918), Trapani (2.897), Ragusa (2.372), Caltanissetta (1.915) e infine Enna (988). Rispetto al 2017, le province che registrano il maggiore incremento di compravendite sono Caltanissetta (+11,8%) e Siracusa (+10,3%). Anche le variazioni annue per le province di Catania (+8,8%) e Palermo (+8,3%) sono sopra la media regionale. Seguono poi Agrigento (+6.6%), Messina (+6.2%), Ragusa (+6%) ed Enna (+3,1%). È sostanzialmente stabile il numero di transazioni per la provincia di Trapani (+1,5%). Il dato di Nicosia è rilevato insieme a quello di Sperlinga in una macro-area e anche in questo caso si nota un incremento del 2,1 % con 69 transazioni.

La dimensione media per unità abitativa venduta in Sicilia è pari a 107,4 meri quadrati, in provincia di Enna è di 106,4 metri quadrati.

La media regionale dei prezzi delle abitazioni è di 764 €/m2 e sono superiori alla media regionale a Trapani (938 €/m2), Messina (930 €/m2), Catania (830 €/m2) e Ragusa (770 €/m2). In provincia di Enna la quotazione media dei prezzi delle abitazioni è di 725 €/m2. Nella macro-area Nicosia-Sperlinga il prezzo è di 847 €/m2, il prezzo più alto di tutta la provincia dopo il capoluogo Enna con 1.178 €/m2.

Il valore di mercato delle abitazioni a livello regionale presenta variazioni in diminuzione rispetto al 2017, con un calo medio del -1,28 % rispetto al 2017. La tendenza è più marcata per le province di Palermo (-2,31 %), Messina (-2,10 %) e Caltanissetta (-2.62 %). In provincia di Enna il calo dei prezzi è stato del -0,51 %. Nella macro-area Nicosia-Sperlinga non c’è stata alcun aumento o diminuzione di prezzi rispetto al 2017.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo