Nicosia, approvato in giunta lo schema di bilancio di previsione 2019-2020-2021

Condividi l'articolo su:

Approdato in giunta ed approvato lo schema di bilancio di previsione per il triennio 2019-2020-2021. Il documento contabile doveva essere approvato entro il 31 marzo 2019, secondo quanto previsto dal decreto del Ministero dell’Interno del 25 gennaio 2019.

Le prime cifre che si notano in questo bilancio riguardano le entrate tributarie. Soffermandosi sulle tasse comunali solo nel 2019, per l’Imu sono previste entrate per 1.600.000 euro, 150 mila euro in meno rispetto all’anno precedente. Entrata uguale per il 2020 ed il 2021. Per la Tasi il bilancio prevede un gettito complessivo per il 2019 di 464.898,68 euro. Per la Tari il gettito del 2019 sarà di 1.752.176,69 euro. Insieme alle altre entrate tributarie il totale sfiora i 4 milioni di euro.

Altre cifre evidenziate son quelle che riguardano i debiti fuori bilancio che ammontano a 205.414,23 euro e il costituendo Fondo Contenzioso che ammonta a 483.845,41 euro, per un totale di 689.259,64 euro che sono stati coperti, per evitare disequilibri di bilancio, dall’avanzo d’amministrazione, al netto di fondi vincolati, di 9.095.071,75 euro.

Altre voci di bilancio riguardano i servizi a domanda individuale, ovvero l’asilo nido che ha un costo di 145.128,74 euro l’anno, la refezione scolastica al costo annuo di 101.800,00 euro e gli impianti sportivi che costano annualmente 8.176,60 euro. Per un totale di 255.105,34 euro. Su questi servizi sono previsti proventi per 108.803,20, che coprono il 42,65% dei costi.

Rilevante la spesa che riguarda il personale che nel 2019 sarà di 4.557.561,62 euro, nel 2020 di 4.287.209,53 euro e nel 2021 di 4.189.516,59 euro.

Il fondo cassa ad inizio 2019 ammontava a 12.377.966,11 di euro. Per il 2019 sono previste entrate complessive per 57.709.713,93 euro a fronte di 48.270.050,24 euro di uscite, per cui il fondo di cassa finale presunto a fine 2019 sarà di 9.439.663,69 euro.

Lo schema approvato dovrà passare al vaglio del collegio dei revisori dei conti, che hanno 20 giorni di tempo per esprimere il parere, successivamente verrà trasmesso al Consiglio comunale. I consiglieri comunali avranno 15 giorni di tempo per valutare lo schema e per apportare le modifiche attraverso gli emendamenti. Lo schema di bilancio approderà poi in aula per l’approvazione, che presumibilmente avverrà entro fine agosto.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo