Nicosia, dibattito su bullismo e cyberbullismo all’Istituto superiore Volta – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Un interessante incontro si è svolto nella mattina del 5 febbraio presso l’aula magna dell’Istituto superiore Alessandro Volta di Nicosia. Nell’ambito della quinta edizione del “Safer Internet Day 2019” il Kiwanis Club di Nicosia, in collaborazione con l’Anpe (associazione nazionale pedagogisti italiani) e la Polizia di Stato ha organizzato un dibattito, il cui tema era “No bullismo e cyberbullismo”.

Il tema del dibattito è stato introdotto dall’avvocato Giovanni Cannata, presidente del Kiwanis di Nicosia. E’ intervenuto al dibattito il dirigente scolastico dell’Istituto, Felice Lipari.

Il cyberbullismo è un termine coniato con l’avanzare delle nuove tecnologie digitali ed indica un tipo di attacco continuo, ripetuto e sistematico attuato mediante la rete. Gli autori, i cosiddetti bulli sono spesso persone che la vittima ha conosciuto a scuola, nel quartiere o in un’associazione. Offendono, minacciano o ricattano le loro vittime direttamente o facendo pressione psicologica su di loro, le diffamano, le mettono alla gogna e diffondono dicerie sul loro conto. Chi ne è vittima può subire conseguenze molto gravi, come la perdita della fiducia in sè stesso, stati di ansia e depressione.

E’ intervenuta al dibattito la professoressa Maria Elena Costa, pedagogista che ha sottolineato che la lotta a questi fenomeni parte dalla famiglia e dalla scuola. La dottoressa Caterina Guarnera, psicologa presso il servizio di neuropsichiatria infantile dell’Asp di Enna, ha tracciato il profilo piscologico del bullo e le conseguenze sulle sue vittime.

Il funzionario della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Nicosia, Roberto Agliata, è entrato nello specifico delle operazioni correlate alla prevenzione del fenomeno del cyberbullismo, dei reati che si possono incontrare sulla rete internet ed in particolar modo sui social network.

Il commissario capo dirigente del Commissariato di Nicosia, Chiara Ricco Galluzzo, ha sottolineato le conseguenze dei retati legati al bullismo ed al cyberbullismo.

Esperienze personali legate al fenomeno del bullismo sono state raccontate da Santino Barbera, responsabile della Pastorale per il turismo della Diocesi di Nicosia, a contatto da sempre con il mondo dei giovani.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo