Nicosia, finanziato con oltre 400 mila euro il potenziamento del Centro comunale di raccolta

Condividi l'articolo su:

Una buona notizia arriva da Palermo ed esattamente dal Dipartimento regionale acque e rifiuti, con 418 mila euro è stato finanziato il potenziamento del Ccr, il centro comunale di raccolta di Nicosia, si tratta di un’area attrezzata con contenitori e zone open-space, nelle quali la società che gestisce il servizio di igiene urbana e gli utenti conferiscono i rifiuti oggetto di raccolta differenziata, in parte recuperabili, in parte destinati a smaltimento controllato. Il Ccr di Nicosia è attualmente stato realizzato presso l’ex discarica Canalotto.

Questa estate il Comune di Nicosia, attraverso l’ufficio tecnico comunale, aveva presentato una richiesta di finanziamento dopo la pubblicazione nell’aprile di quest’anno di un avviso pubblico che riguardava la realizzazione, il potenziamento, l’ampliamento o l’adeguamento dei centri comunali di raccolta siciliani.

In tutto sono stati 126 i progetti presentati dai diversi Comuni siciliani, Nicosia è stato l’undicesimo Comune a presentarlo il 10 luglio 2017 e solo 40 di questi hanno ottenuto l’ammissione al finanziamento, nella graduatoria regionale il Comune di Nicosia è risultato al quinto posto.

Soddisfatto l’assessore comunale Nando Zappia, che ringrazia l’ufficio tecnico comunale per l’ottimo lavoro svolto, nella redazione e nella presentazione del progetto “si tratta di un primo passo verso l’ottenimento di altri finanziamenti per il Comune, un lavoro in sinergia tra l’amministrazione comunale e l’ufficio tecnico che darà i suoi frutti.“conclude l’assessore Zappia ”Il Comune di Nicosia ha aderito all’Ats Alte Madonie, un consorzio di altri Comuni del circondario, le pratiche sono a buon punto e nei prossimi mesi porteremo a buon fine anche questi progetti da 500 mila euro”.

Oltre Nicosia, in provincia di Enna hanno ottenuto finanziamenti i comuni di Aidone, Centuripe e Pietraperzia. Sono stati ammessi con riserva i Comuni di Catenanuova e Agira. Mentre sono stati esclusi i Comuni di Piazza Armerina, Troina, Villarosa e Nissoria.


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo