Nicosia, inaugurato in contrada San Basile l’impianto di stoccaggio e trattamento di rifiuti – VIDEO

Condividi l'articolo su:

E’ stato inaugurato nella mattina del 15 aprile in contrada San Basile a Nicosia l’impianto di stoccaggio e trattamento di rifiuti realizzato dalla 6CM srl, presenti oltre ai soci dell’azienda ed i lavoratori, anche il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, gli assessori della giunta e la presidente del consiglio comunale, Annarita Consentino.

Da sottolineare che l’impianto non è una discarica, la struttura della 6CM è un impianto di stoccaggio e trattamento di rifiuti, la maggior parte delle tipologie vengono conferite per mera attività di logistica, quale il confezionamento di carichi utili per il successivo conferimento ad impianti di trattamento finale (al pari di un magazzino di distribuzione di beni, ma con il percorso invertito, nel senso che si parte da piccoli carichi per conferire agli impianti finali carichi che giustifichino i lunghi percorsi necessari); solo i rifiuti inerti e la carta e cartone vengono invece recuperati nell’impianto e riutilizzati, gli inerti per la formazione di rilevati e sottofondi stradali, la carte e cartone, nelle cartiere.

Il tempo massimo di stazionamento nell’impianto, prima della lavorazione o del conferimento a terzi, è pari a 6 mesi; i pochissimi rifiuti che in alcuni casi potrebbero essere putrescibili, potranno stazionare in impianto al massimo 10 giorni; non è previsto il conferimento di scarti di cibo e non è prevista alcuna attività di compostaggio nè di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata urbana, nè di scarti di potatura/agricoltura.

Riguardo alla tipologia di rifiuti trattati, l’impianto è stato concepito, proposto e approvato, per il trattamento esclusivamente di rifiuti non pericolosi, provenienti in prevalenza da attività di costruzione e demolizione ed in parte da piccole imprese o dai cittadini.

Il sito è dotato di un impianto di trattamento di tutte le acque piovane che si depositano sulle aree di stoccaggio dei rifiuti e che preserverà i terreni sottostanti da qualsiasi inquinamento; riguardo alle polveri, su tutta l’area è attivo un impianto di abbattimento polveri ad acqua, compreso le aree esterne attigue e sono state messe in opera alberi lungo tutto il perimetro, per abbattere qualsiasi ulteriore emissione verso l’esterno.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo

css.php