Nicosia, la consigliera comunale Santina Lo Votrico lascia il gruppo del PD – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Clamorosa decisione della consigliera comunale Santina Lo Votrico, durante il consiglio comunale del 29 settembre ha annunciato di lasciare il gruppo consiliare del PD.

Non me la sento più di rappresentare questo partito, non me la sento più di giustificare parole ed atti “targati PD” a livello nazionale e principalmente a livello regionale,  in quanto  non appartengono alla mia cultura politica, alla storia da cui provengo e alla mia dignità di donna e lavoratrice”, queste le parole lette in aula dalla consigliera, eletta nel 2015 nelle fila del Partito Democratico.

Prosegue la consigliera Lo Votrico “Questa è una decisione sofferta, che probabilmente avrei dovuto prendere prima e che medito da mesi. Il mio malessere interiore perdura da tempo, più volte sono stata lì per lì per lasciare il PD,  ho resistito, ho provato a resistere, solo per la stima e l’affetto che provo per i miei compagni di circolo, del suo Segretario e non ultimo in ordine di importanza, per i miei colleghi del Gruppo Consiliare PD.

“Continuerò a svolgere il mio mandato di consigliere comunale, per onorare la fiducia dei tanti cittadini che mi hanno votato e che, nonostante fossi alla mia prima esperienza politica, mi hanno portata ad essere la prima degli eletti, anche se più volte nei momenti di maggiore avvilimento, ho pensato di dimettermi da consigliere comunale, ma sullo sconforto ha vinto il senso di responsabilità nei confronti di coloro che mi hanno attribuito la loro fiducia”.

Conclude l’ormai ex esponente del PD “Chiudo la mia esperienza all’interno del PD, garantendo già da ora, che non faccio parte di alcuna altra formazione partitica, voglio continuare ad essere libera in tutte le scelte che d’ora innanzi farò a livello comunale, comunicando che ‘Il mio tempo all’interno del PD è terminato’ ”.

Rimangono solo due i componenti del PD in consiglio comunale: Sergio Composto ed il capogruppo Sigismundo Li Volsi.


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo