Nicosia, tolta l’impalcatura alla torre campanaria della chiesa di San Michele – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Dopo 40 anni è stata tolta l’impalcatura che ricopriva la torre campanaria della chiesa di San Michele. Proseguono i lavori di restauro che da qualche settimana interessano non solo la torre, ma anche l’interno dell’antica chiesa da cui prende il nome l’intero quartiere.

Una storia travagliata quella che riguarda i restauri della chiesa di San Michele. Il primo restauro della chiesa risale agli anni 70 e si conclusero dopo quasi trent’anni nel 2000 con la riapertura al culto. Questi restauri furono necessari a causa del dissesto della rocca sulla quale sorge la chiesa. Tristemente famosa e scellerata la distruzione del Cristo Pantocratore, demolito nel 1978 ad opera di un tecnico della Soprintendenza di Enna.

La chiesa risale al XII secolo, l’interno conserva l’originaria struttura a tre navate con dieci colonne di pietra, che sorreggono gli archi a doppio raggio. Il campanile invece fu costruito nel XV secolo ed è l’opera che da oltre 40 anni era coperta da una pericolosa impalcatura marcia. Così come relazionarono nel 2010 i tecnici del Genio civile, il cui intervento fu richiesto dalla giunta Catania.

Per questo intervento nel mese di settembre 2015 la Parrocchia di San Michele aveva predisposto il progetto per il restauro e la messa in sicurezza della chiesa di San Michele, per un importo di 800 mila euro, che prevedeva tra l’altro il recupero del celebre campanile.

Nell’agosto del 2016 fu istituito dal Cipe il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020 e nel settembre dello stesso anno venne firmato il Patto per lo Sviluppo della Regione Sicilia, che riguardava l’attuazione degli interventi prioritari e l’individuazione delle aree d’intervento strategiche per il territorio, finalizzate allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale, alla sostenibilità ambientale ed alla sicurezza del territorio. In pratica lo Stato assegnò alla Sicilia 5 miliardi e 700 milioni di euro, di cui 1.900.000 euro furono assegnati a Nicosia per tre progetti.

Nel mese di settembre del 2017 queste cifre sono state inserite negli appositi capitoli di bilancio della Regione e successivamente nel mese di dicembre è stata prodotta la variazione di bilancio con l’assegnazione delle somme per il triennio 2017-2019. La giunta comunale di Nicosia il 22 febbraio 2018 aveva approvato il progetto esecutivo per il consolidamento statico ed il restauro conservativo della chiesa di San Michele adeguandolo ad alcune direttive provenienti dalla Regione.

Il progetto esecutivo di riqualificazione urbana, consolidamento statico e restauro conservativo della chiesa di San Michele è stato redatto dagli ingegneri Salvatore Castrogiovanni e Salvatore Milici, dagli architetti Salvatore Picone e Felice Castrogiovanni e dal geometra Giuseppe Castrogiovanni.

Nel mese di giugno 2018 sono stati assegnati, tramite procedura negoziata, i lavori alla ditta Spallina Lucio s.r.l di Gangi che se li è aggiudicati con un ribasso del 32,7469 % per un importo complessivo di 407.123,28 euro.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo