Servizi sociali. La Regione assegna al Distretto socio-sanitario di Nicosia oltre 200 mila euro, approvato il piano di zona 2018-19

Condividi l'articolo su:

Un decreto dell’assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali di inizio dicembre ha ripartito ai Distretti socio-sanitari siciliani le somme provenienti dal Fondo Nazionale Politiche Sociali 2016-2017 ed ha assegnato al Distretto 23 di Nicosia la somma complessiva di 230.696,08 euro così distinta: 171.375,99 euro per risorse indistinte, 48.964,57 euro per integrazione socio-sanitaria e 10.355,52 euro per attivazione assistenza tecnica.

Successivamente si sono tenute a Nicosia due conferenze di servizi, per presentare il Piano di zona 2018-19. Nelle due conferenze dei sindaci a cui partecipano gli amministratori dei Comuni di Nicosia, Capizzi, Cerami, Gagliano, Sperlinga e Troina, facenti parte del Distretto socio-sanitario di Nicosia, è stato approvato il Piano di zona 2018-19, che comprende quattro azioni nelle quali verranno ripartiti i fondi ricevuti dalla Regione.

La prima macro-area d’intervento riguarda i servizi e le misure per favorire la permanenza a domicilio, l’area di intervento per disabilità e non autosufficienze e l’assistenza domiciliare per anziani.

La seconda macro-area riguarda i servizi territoriali comunitari, le aree di intervento per la disabilità e le non autosufficienze, i voucher per centri diurni per disabili a titolarità pubblica.

La terza macro-area riguarda le misure di inclusione sociale. L’area di intervento per facilitare inclusione e l’autonomia, l’assistenza scolastica per alunni disabili con utilizzo della quota vincolata per l’integrazione socio sanitaria e di parte delle risorse indistinte.

Ed, infine, l’assistenza tecnica a supporto delle attività di gestione amministrativa del Piano di zona 2018/2019.

I singoli Comuni attraverso delle delibere di giunta hanno approvato il Piano di zona 2018-19 ed il sindaco di Nicosia, in qualità di rappresentante del Comune capofila, ha successivamente convocato, attraverso una determina sindacale, i Comuni del Distretto 23 per stipulare l’accordo di programma.

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo