Silvo Pastorale di Nicosia, approvato in consiglio comunale il Piano programma ed il Bilancio di previsione 2018

Condividi l'articolo su:

Nell’ultimo consiglio comunale di Nicosia, che si è tenuto il primo agosto, si è discusso dell’attività dell’Azienda Speciale Silvo Pastorale di Nicosia. Il civico consesso ha approvato due documenti: il Piano programma ed il Bilancio di previsione 2018.

Il Piano programma della Silvo Pastorale di Nicosia contiene un contratto di servizio che disciplina i rapporti tra il Comune di Nicosia e l’Assp, nonché le scelte e gli obiettivi che si intendono perseguire, indicando, tra l’altro, in rapporto alle scelte ed agli obbiettivi: le linee di sviluppo dei diversi servizi, il programma degli investimenti e le relative modalità di finanziamento, le previsioni e le proposte in ordine alla politica dei prezzi e delle tariffe, le iniziative di relazioni esterne, i modelli organizzativi e gestionali e di programmi per l’acquisizione e la valorizzazione delle risorse umane.

Il Piano è stato illustrato dalla presidente dell’Assp, Maria Letizia D’Amico. Nel corso del 2018 è stato approvato il progetto “Parchi e natura” nell’ambito del Servizio Civile Nazionale. L’Assp ha presentato un progetto per l’efficientamento energetico della struttura “Il Nibbio” mediante la redazione della diagnosi Energetica e attestato di prestazione energetica (APE), predisposto in collaborazione con l’Ufficio tecnico comunale. Il finanziamento richiesto per il progetto di ristrutturazione è stato richiesto nell’ambito del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020 Asse Prioritario 4 – “Energia Sostenibile e Qualità della Vita” Azione 4.1.1 – Promozione dell’eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche”, per un importo di 850 mila euro.

Il 3 agosto si è svolta la quinta edizione della manifestazione “Stelle in Montagna”. Il 21 novembre si svolgerà la Festa dell’Albero, in concomitanza della giornata nazionale degli Alberi.

Tra le altre attività organizzate dall’Assp per il 2018 è prevista il 30 settembre “Campanito in festa”, una manifestazione ricca di eventi ed attività: trekking a piedi, tour in 4×4, escursioni a cavallo ed in mountain-bike, musica dal vivo e degustazione dei prodotti tipici, che si terrà presso l’area attrezzata della riserva Campanito-Sambughetti di contrada San Martino.

Tra gli altri obiettivi per il 2018 vi è la realizzazione dell’Orto Sociale, individuato su un appezzamento di terreno vicino al centro abitato, adatto per la realizzazione del progetto denominato “orto collettivo”, con il coinvolgimento delle scuole e le associazioni di volontariato, con la finalità di infondere la cultura del cibo sano e del rispetto della terra come fonte di sostentamento nei bambini e dare l’opportunità, anche ad anziani che vogliono impiegare il loro tempo in questo tipo di iniziativa ad interagire con i più giovani, insegnando loro anche tecniche di coltivazione tradizionali. Prevista anche la realizzazione di un campo sperimentale per la coltura di piante officinali.

Critici i consiglieri d’opposizione: Filippo Giacobbe di Forza Italia chiede alla presidente di impegnarsi a portare avanti qualche attività di sviluppo che potrebbe anche essere sostenuta economicamente dal Consiglio Comunale; mentre la consigliera Lo Votrico della Lega chiede la riduzione dei canoni d’affitto dei terreni, ma puntualizza la necessità di abbassare l’Imu ed eliminare la Tasi. Riconosce al consiglio d’amministrazione dell’Assp il risanamento dei debiti.

Il sindaco Luigi Bonelli ringrazia i componenti del consiglio d’amministrazione per il lavoro svolto in maniera egregia ed encomiabile. Sottolinea una nuova prospettiva, un nuovo modo di discutere della montagna. Si comincia finalmente a discutere di progettazione, si concerta un modello di produzione con gli allevatori, copiando altri modelli virtuosi.

Il Piano è stato approvato da 13 consiglieri di maggioranza, 4 gli astenuti (Composto, La Giglia, Li Volsi e Lo Votrico) ed un solo voto contrario da parte del consigliere Giacobbe.

Il bilancio di previsione 2018 è stato illustrato dal direttore tecnico dell’Assp, Michele Stazzone. Nella sua relazione ha evidenziato che i contratti d’affitto costituiscono le maggiori entrate dell’Azienda per 182 mila euro. L’altra fetta di entrate dell’Assp è il contributo regionale di poco più di 40 mila euro ed il finanziamento in conto capitale della struttura del Nibbio pari ad 850 mila euro. Alla voce spese il totale previsto per il 2018 è di poco più d 263 mila euro ed un fondo cassa che sfiora i 7.000 euro.

Il bilancio di previsione è stato approvato con 12 voti favorevoli e 5 contrari (La Giglia, Lo Votrico, Li Volsi, Composto, Giacobbe).

 


Condividi l'articolo su:

Commenta l'articolo